Bonus ed elettrodomestici: tutte le informazioni utili di Cucine Lube per usufruire delle agevolazioni

Bonus ed elettrodomestici: tutte le informazioni utili di Cucine Lube per usufruire delle agevolazioni


2021-10-Bonus-Mobili-ed-Elettrodomestici-Cucine-Lube-Torino

Conto alla rovescia attivato. Fino al 31 dicembre sarà possibile usufruire del bonus mobili ed elettrodomestici, un’agevolazione fiscale che consente di ottenere una detrazione fino al 50% sulle spese da sostenere oppure già affrontate per arredare una casa ristrutturata.

Ti stai chiedendo se puoi avvalerti anche tu dell’agevolazione? Quanto puoi investire per riuscire a donare alla tua abitazione l’aspetto che merita?

Noi di Cucine Lube Torino siamo pronti a presentarti nell’approfondimento di oggi tutte le informazioni dedicate alla tematica.

 

Che cos’è il bonus mobili ed elettrodomestici

Il bonus mobili è una detrazione IRPEF del 50% ottenibile su un importo massimo di 16.000 euro, per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A o superiore per i forni e lavastoviglie), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

Indipendentemente dall’importo delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione, la detrazione del 50% va calcolata su un importo massimo di 16.000 euro e di 10.000 euro per gli acquisti effettuati entro il 31 dicembre 2020. Essa sarà ripartita in dieci quote annuali di pari importo.

Il motivo per cui il Governo ha deciso di rendere disponibile questa agevolazione fiscale? Primo tra tutto, il rilancio del settore della mobilia.

Secondo aspetto, ma non meno importante, sostenere coloro che stanno realizzando una nuova casa, con lo scopo di incentivare l’acquisto di elettrodomestici di classe energetica alta.

 

Come ottenere l’agevolazione

Ma quali sono i requisiti fondamentali per poter usufruire del bonus?

  1. Dovrai indicare tutti gli investimenti affrontati per arredare la casa ristrutturata nella dichiarazione dei redditi. Per avere la detrazione sugli acquisti di mobili e di grandi elettrodomestici occorre effettuare i pagamenti con bonifico o carta di debito o credito. Non è consentito, invece, pagare con assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento.
  2. Dovranno essere sostenute spese utili all’intervento del patrimonio edilizio. Facciamo ora un esempio pratico: tu hai investito parte dei tuoi risparmi per ristrutturare l’immobile. Il tuo coniuge ha sostenuto le spese per l’arredo della casa ristrutturata. In un caso di questa natura, il bonus mobili ed elettrodomestici non spetta a nessuno dei due. Si ha diritto al bonus mobili ed elettrodomestici anche scegliendo in alternativa alla fruizione diretta delle detrazioni per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, di cedere il credito o di esercitare l’opzione per lo sconto in fattura.
  3. Per ottenere il bonus è necessario che la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione preceda quella in cui si acquistano i beni. Non è fondamentale, invece, che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l’arredo dell’immobile.

 

A chi spetta il bonus mobili ed elettrodomestici

Il bonus mobili ed elettrodomestici può essere richiesto da chi ha realizzato un intervento di ristrutturazione edilizia che ha avuto inizio non prima del 1° gennaio 2020. Per gli acquisti effettuati nel 2020 è possibile usufruire delle detrazioni solo se l’intervento è stato iniziato prima del 1° gennaio 2019.

Tra i possibili beneficiari del bonus, sono da ritenersi inclusi:

  1. Persone fisiche;
  2. Esercenti di arti e professioni;
  3. Società di persone;
  4. Enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciali;
  5. Per gli interventi effettuati su parti condominiali (per esempio, guardiole, appartamento del portiere, lavatoi), i condòmini hanno diritto alla detrazione, ciascuno per la propria quota, solo per i beni acquistati e destinati ad arredare queste parti. Il bonus non è concesso, invece, se acquistano arredi per la propria abitazione.
  6. Istituti autonomi per le case popolari;
  7. società di capitali;
  8. associazioni professionisti;
  9. cooperative di abitazione a proprietà indivisa.

 

Quando non è possibile usufruire del bonus mobili 2021

Non è possibile usufruire del bonus mobili 2021 senza lavori di ristrutturazione eseguiti su un intero edificio o su singole unità residenziali. La detrazione spetta anche quando i beni acquistati sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio, oppure quando i mobili e i grandi elettrodomestici sono destinati ad arredare l’immobile ma l’intervento cui è collegato l’acquisto viene effettuato su una pertinenza dell’immobile stesso, anche se accatastata autonomamente.

 

Che cosa è compreso

Nel bonus mobili 2021 rientra l’acquisto di mobili nuovi, tra cui: letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi, apparecchi di illuminazione. È escluso l’acquisto di porte, pavimentazioni (per esempio, il parquet), tende e tendaggi, altri complementi di arredo.

Non solo mobili, ma come anticipato, anche elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+ (A o superiore per i forni e lavasciuga), come rilevabile dall’etichetta energetica. L’acquisto è comunque agevolato per gli elettrodomestici privi di etichetta, a condizione che per essi non ne sia stato ancora previsto l’obbligo. Rientrano nei grandi elettrodomestici, per esempio: frigoriferi, congelatori, lavatrici, lavasciuga e asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi per la cottura, stufe elettriche, forni a microonde, piastre riscaldanti elettriche, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento.

Ora che hai ottenuto tutte le informazioni utili non aspettare. Vieni a farci visita nel nostro showroom di Cucine Lube Torino per scegliere nuovi mobili ed elettrodomestici, donando al tuo immobile ristrutturato l’aspetto che merita!